Articoli della sezione

Tagged ‘passione‘

FLAVIA “FLY” SEVERIN: UNA FORZA DELLA NATURA AL SERVIZIO DELLO SPORT

Flavia Severin, classe ’87, è una forza della natura: 1,80 m di altezza per 90 Kg, velocità e potenza dirompenti, e soprattutto è una superatleta polivalente: 4 le discipline sportive che pratica, boxe, rugby, atletica leggera – lancio del peso e sollevamento pesi. In tutte porta a casa titoli nazionali e internazionali e, naturalmente, grandi soddisfazioni.

Flavia è, attualmente, campionessa italiana di boxe, categoria +81 chilogrammi, e vicecampionessa europea in carica. L’atleta della Treviso Ring, allenata da Pierangelo Cadamuro dal 2012, ha vinto due titoli italiani dopo appena un anno e mezzo di allenamento, dimostrando di avere la competizione e lo spirito giusto nel sangue.

Flavia, quando hai cominciato a fare sport?
Ho iniziato a 6 anni, seguendo la passione di mio fratello maggiore, da sempre un idolo per me. Non a caso ho cominciato proprio col praticare rugby con la società sportiva del Paese. Impegno e tanta passione da sempre. Ho dovuto, purtroppo, lasciare i campi a 12 anni perché ero cresciuta e non esisteva una squadra corrispondente femminile nella società per le categorie superiori. Quindi, ho cominciato a praticare atletica gareggiando in corse campestri e salto in alto fino a quando per corporatura e potenza ho capito che potevo rendere meglio nel lancio del peso. Oggi, gareggio con i colori del Cus Parma. Ho ripreso a giocare a rugby, dopo una pausa di circa 6 anni, a 18 anni quando sono venuta a contatto con la squadra trevigiana delle Red Panthers, con le quali ho avuto grandi soddisfazioni sportive.

Leggi →

UN RITORNO ALLE ORIGINI AGRICOLE DEL TERRITORIO: FRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE

La storia delle Cantine Bortolomiol.

Lungo la strada del Prosecco, la più antica d’Italia, che si snoda attraverso un vasto teatro naturale ornato da vigneti, abbazie, chiese e castelli, si stagliano le Cantine Bortolomiol. Storiche anch’esse. Il personaggio di Bartolomeo Bortolomiol, l’avo di cui in famiglia si tramandano il nome ed il mestiere attraverso le generazioni, si fa risalire alla meta del 1700, secondo la testimonianza storica dei documenti. Di lui si narrano e si ricordano l’amore per la terra e l’attitudine a trarne il meglio, e che per tutta la vita ha coltivato la vite sulle colline di Valdobbiadene.

Di generazione in generazione viene passato il mestiere. E poi è Giuliano Bortolomiol, fondatore della moderna azienda spumantistica, a raccogliere
la sua lezione e continuare a credere fortemente nella qualità e nel futuro del Prosecco a denominazione. Obiettivo per il quale ha lavorato tutta una vita. Oggi sono le sue 4 figlie, Maria Elena, Elvira, Luisa e Giuliana ad aver ereditato l’azienda e la passione di famiglia, unitamente alla madre Ottavia, portando comunque attenzione al legame forte con il territorio e alla sua storia. Oggi l’azienda produce 2 milioni di bottiglie di spumante all’anno.

Leggi →

La vela: una passione che dura una vita

È quello che si dice un ‘top sailor’: Tommaso Chieffi, 40 anni in vela e un palmarès davvero speciale. A guidarlo una grande passione per questo sport, antico ma sempre all’avanguardia nell’uso della tecnologia.

Classe 1961, nato ad Anversa in Belgio, nel 1971 si trasferisce a Carrara dove con il fratello inizia a frequentare la locale scuola di vela. Da lì comincia la sua storia: con Enrico è campione italiano Juniores con la classe 470 nel ’79/’80, poi campioni d’Europa nell’81 e terzi al Mondiale di 470. E dopo tre anni di duro lavoro arrivano le Olimpiadi di Los Angeles dove si classificano quinti. Nell’85 la svolta con la vittoria alle Olimpiadi del titolo mondiale nelle acque di casa a Carrara. Nello stesso anno inizia la carriera professionistica come timoniere del team Italia partecipante all’edizione di Fremantle della Louis Vuitton Cup. Tommaso è due volte vincitore del trofeo l’Equipe classe 470 nel 1982 e 1983, campione nel mondo all’ International America’s Cup Class nel ‘91 con il ‘Il Moro di Venezia’, sempre con ‘Il Moro di Venezia’ è vincitore nel ’92 alla Louis Vuitton Cup. La strada con il fratello si divide ma i successi continuano per Tommaso che vince nel ’92 e nel ’96 la Rolex Swan Cup, nel ’95 la Admiral’s Cup e nel ’94 e ’97 la Sardinia Cup. Vanta cinque medaglie d’oro al valore atletico, due argenti e cinque bronzi. Viene eletto velista dell’anno dalla rivista ‘Il giornale della Vela’ e Rothmans nel ’97. Questi solo alcuni dei tanti riconoscimenti ricevuti. Oggi Tommaso Chieffi è padre di Ginevra e Angelo e la sua storia non finisce qui.

Leggi →

TREKKING 2.0

Intervista a Alberto Pellizzari, poliziotto, alpinista, viaggiatore.

Scalate e trekking: passioni nate da lontano. Com’è cambiato oggi viaggiare e organizzare spedizioni.
Che dire, innanzitutto, oggi i viaggi li organizzo in prima persona integralmente, attraverso internet. Fino a 10 anni fa mi dovevo affidare alle agenzie di viaggio, con un costo superiore e anche meno coinvolgimento personale nella fase di organizzazione. Ma in questi anni, grazie a una tecnologia sempre più avanzata e alla portata di tutti, mi è senz’altro più semplice reperire informazioni di ogni sorta e con facilità ed anche organizzare il viaggio in completa autonomia.
Infatti, scelgo la destinazione, cerco il materiale informativo e quando sono convinto, sempre attraverso web, organizzo i mezzi di trasporto e la logistica. Mi è più facile contattare in loco agenzie che mi facciano trovare l’equipaggiamento tecnico in un container al mio arrivo. Anche le dotazioni sono migliori: in alta montagna strumenti assolutamente importanti cui non posso rinunciare sono il localizzatore GPS e il telefono satellitare. Inoltre, grazie a internet mi è più facile raccontare delle mie spedizioni a più persone usando il mio sito (www.albertopellizzari.com). È più semplice così creare contatti anche con possibili sponsor.

Leggi →