Articoli della sezione

Tagged ‘EMC‘

EMC WORLD 2015: LA RIVOLUZIONE DELL’IT

Con la crescita della digitalizzazione globale aziende di ogni dimensione dovranno adattarsi ad uno scenario del tutto nuovo: sviluppo open source, cloud e terza piattaforma sono i tre ingredienti della ricetta EMC per affrontare quella che viene definita una vera e propria rivoluzione dell’IT. A raccontarci l’EMC World 2015 Ferdinando Caputo, Sales and Channel Enablement Manager – Europe East and Russia/CIS di EMC.

EMC WORLD 2015 LAS VEGAS, un appuntamento imperdibile per il mondo dell’IT, quali sono stati i numeri di questa edizione?
I numeri sono stati assolutamente interessanti: circa 14mila partecipanti end user, ben 400 sessioni di approfondimento – oltre alle plenarie – con pù di 33 sponsor e 50 exhibitor. Abbiamo avuto 50 sessioni di alto livello dedicate al tema dell’IT leadership e 300 sessioni tecnologiche. Dulcis in fundo, per la prima volta l’evento ha accolto un vero e proprio focus sullo sviluppo open source, facendo fare ai suoi ospiti un salto nel prossimo futuro e nell’era della terza piattaforma. All’interno dell’evento prìncipe, poi, il Global Partner Summit, un’occasione di incontro per partner EMC provenienti da tutto il mondo.

Leggi →

PUÒ UN’INFRASTRUTTURA IPER-CONVERGENTE ACCELERARE IL BUSINESS?

Annunciato il 17 febbraio 2015, VSPEX BLUE nasce da un obiettivo: semplificare la gestione del computing, del networking, dell’archiviazione per le aziende. Un unico “pacchetto”, insomma, per unificare e centralizzare risorse che fino ad ora potevano essere amministrate separatamente e con più tecnologie. Massimo Marchetti e Alberto Moraschi di EMC, proprietaria della piattaforma, ci spiegano come un’infrastruttura di questo tipo, iper-convergente, può evolvere in meglio il business aziendale.

VSPEX BLUE: di che cosa stiamo parlando esattamente?
VSPEX BLUE è un sistema infrastrutturale iper-convergente e scalabile che è possibile acquistare come singolo prodotto integrato e amministrare mediante un’unica interfaccia per le attività di configurazione, gestione e manutenzione di tutti gli elementi hardware e software che lo compongono.

Leggi →

EMC E LA TECNOLOGIA FLASH

Flash è il nome della tecnologia di memoria a stato solido che sta trasformando il mondo dello storage. Dario Regazzoni, Pre-sales manager di EMC Italia , ci spiega cosa sta davvero cambiando e come utilizzare le innovative caratteristiche dei dischi Flash per migliorare le performance dei sistemi aziendali.

Stiamo assistendo a una trasformazione importante nel mondo dello storage: qual è la visione EMC?
Il mondo dello storage sta cambiando da tanti punti di vista, perché varie sono le forze che agiscono su questo settore: la più importante consiste nell’introduzione di tecnologie di tipo Flash. Sebbene il termine possa far pensare al dispositivo per scattare foto in condizioni di bassa illuminazione, in realtà Flash è un sistema di memoria capace di immagazzinare una quantità elevatissima di informazioni che sta man mano sostituendo i più tradizionali hard disk. Attualmente questa tecnologia viene utilizzata in tutti i moderni dispositivi, dalle fotocamere digitali agli smartphone o ai notebook e ai pc, proprio per la buona capacità di memoria. Basti pensare a quanto velocemente ogni tipo di dato transiti dai nostri smartphone grazie a questa tecnologia per capire quale rivoluzione possa introdurre se applicata ai sistemi di gestione dei dati di tipo enterprise.

Leggi →

EMC: LA NUOVA DATA PROTECTION

Michele Santulin, sales manager della divisione Data Protection & Availability di EMC, ci parla di Data Protection e delle nuove tecnologie EMC che mirano a rendere sempre più autonomo l’utente nella gestione delle informazioni. Tutto queste grazie alla filosofia ‘as a service’ che permette di configurare in autonomia l’infrastruttura IT di cui si ha bisogno.

Soprattutto ultimamente si parla tanto di Data Protection: cosa significa?
Quando si parla di Data Protection, strettamente collegata all’infrastruttura IT, ci si riferisce a un mondo, quello del data center, e a tutto ciò che afferisce alla protezione del dato. Per intenderci: in azienda si ha tendenzialmente almeno una copia dei dati che di solito si trova all’interno dello storage primario; successivamente si arriva a realizzare la vera e propria protezione del dato con sistemi che consentano di effettuare anche una seconda copia da utilizzare nel caso la prima fosse lesa. Altra cosa è la Security, una disciplina che invece tende a proteggere l’accessibilità del dato dall’esterno per evitare che lo stesso venga corrotto oppure sottratto.

Leggi →

CREDIBILITÀ, ASCOLTO E FORMAZIONE DEL PARTNER: LA RICETTA EMC PER IL CANALE

Trent’anni di carriera nell’IT, Bernardo Palandrani ci illustra le linee guida della strategia di canale EMC Italia: semplificazione, credibilità, affidabilità. In un momento di trasformazione cosi profonda, EMC punta sul canale e sulle competenze congiunte.

Ci racconta il percorso che l’ha portata lo scorso anno ad abbracciare la filosofia EMC come Director Partner Sales?
Il mio è stato un percorso abbastanza lineare e tradizionale, se si considera il settore vendite, segnato in particolare da tre esperienze. Inizio a lavorare dopo aver conseguito la maturità tecnica come venditore nella multinazionale OCÉ, che produceva macchine per la copia e la stampa di grandi formati. Già allora lo sviluppo di tecniche di vendita ricercate mi è stato sempre di grande supporto, soprattutto quando sono entrato nel settore dell’informatica. In OCÉ la gestione delle prime vendite iniziò con il “porta a porta” per poi arrivare ad avere la responsabilità dell’intera regione Toscana. Qui, instaurata una rete commerciale e accortomi dell’interesse crescente di numerose aziende clienti per l’informatica, ho cominciato ad interessarmi al neo-nascente, all’epoca, settore.

Leggi →

La BIBLIOTECA APOSTOLICA VATICANA APRE LE PORTE ALLA TECNOLOGIA

La sicurezza prima di tutto, anche per i manoscritti della Biblioteca Apostolica Vaticana. Infatti, il patrimonio mondiale di oltre 80.000 volumi, circa 40 milioni di pagine scritte, oggi presenti a Roma verrà digitalizzato per preservarne la memoria storica. È nel cuore del palazzo cinquecentesco, voluto da Papa Sisto IV, che finora sono stati conservati documenti come codici paleocristiani e manoscritti greci, arabi, persiani, copti, ebraici e così via, con una temperatura tra i 20 e i 21 gradi, e un tasso d’umidità tra 50 e 55.

È un passo importante perché la Biblioteca Apostolica Vaticana svela il proprio patrimonio raccolto nei secoli di storia universale all’azienda EMC, che in accordo con Dedanext, parte di Dedagroup ICT Network, sta portando a compimento l’elefantiaca operazione. Il progetto rientra nell’iniziativa denominata “Information Heritage Initiative”, nata con l’obiettivo di proteggere e preservare le informazioni a vantaggio delle future generazioni, e per renderle accessibili a livello globale in formato digitale a scopi di formazione e ricerca. “Proprio come nel passato le informazioni venivano preservate stampandole o affidandole ad amanuensi dalla grande arte, oggi EMC può gestirle e renderle disponibili con le proprie tecnologie – spiega così la scelta di EMC di aderire ad un così rilevante intervento Marco Fanizzi, Country Manager di EMC Italia – La collaborazione con la Biblioteca Apostolica Vaticana rappresenta per noi un progetto estremamente stimolante, che con la forza delle nostre tecnologie e l’ampia vision che ci contraddistingue, stiamo portando avanti con grande successo”. La Biblioteca Apostolica Vaticana è una delle istituzioni culturali più importanti del mondo con un immenso patrimonio documentale che spazia dalle scienze all’arte, fino alle lettere ed ovviamente alla cultura religiosa. Tra le opere che contiene, vi sono alcuni dei testi più rari esistenti al mondo, testimonianze uniche della storia della cultura umana.

Leggi →

Emc: l’innovativo futuro della tecnologia

Nel colloquio il giovane Country Manager Marco Fanizzi ci ha parlato dell’azienda, della sua mission e dei valori che la rendono non solo all’avanguardia ma anche un punto di riferimento nel panorama internazionale. Attenzione alla cultura della tecnologia e all’eccellenza, e soprattutto alla sicurezza.

EMC, azienda di tecnologia leader nelle soluzioni di gestione, archiviazione e protezione dei dati, opera in Italia dal 1987, con il supporto di circa 500 professionisti.

Marco Fanizzi, 44 anni e il ruolo di Country Manager Italia EMC. Ci racconta di lei?
Arrivo in EMC Italia circa 3 anni fa, dopo importanti esperienze in altre aziende, con il compito di guidare la divisione Finance&Insurance di EMC Italia. Dopo circa un anno e mezzo, mi viene offerta un’importante possibilità di crescita arrivando a ricoprire, nel settembre del 2011, il ruolo di Country Manager, con il compito di guidare la crescita dell’azienda che sempre più gioca un ruolo di primo piano nella gestione delle infrastrutture informative, puntando su Big Data e cloud computing. Mi ritengo fortunato perché ho avuto la possibilità di essere formato nell’azienda che avevo scelto e dalla quale ero stato scelto e accedere a una promozione prestigiosa. In questo ruolo ho lavorato dando un forte impulso allo sviluppo di una politica aziendale che ponesse al centro dell’attenzione il cliente a tutti i livelli: a partire dalla vendita e prevendita, fino ai nostri customer service, ai servizi professionali, e al marketing. I nostri sforzi, uniti all’impegno, ci hanno permesso di crescere ancor più e consolidare l’immagine dell’azienda. Il mio stesso percorso professionale, probabilmente, è servito anche come modello: abbiamo promosso circa 20 nuovi manager negli ultimi due anni e mezzo e il 75% di questi sono persone interne. Possiamo dire che EMC Italia investe sui giovani e sul Paese.

Leggi →